Messaggio di cordoglio del Presidente per la scomparsa di Mario Bagnato

Logo Ascob

“Oggi è venuto a mancare un nostro associato storico, Mario Bagnato, proprietario delle Sale Bingo di Bergamo e Stezzano.

Mario ha fatto la storia del Bingo, ha sempre combattuto per difendere il gioco legale e i diritti di tutti proprietari delle sale.

Un saluto ad un amico”.

Così comunica il Presidente dell’associazione ASCOB, Salvatore Barbieri.

“L’associazione è vicina alla famiglia Bagnato in questo momento di dolore”.

Riduzione canoni Bingo, Barbieri: Al TAR altro grande risultato per l’associazione ASCOB

Grande soddisfazione del presidente ASCOB, Salvatore Barbieri, in merito all’ennesimo successo per la politica associativa della maggiore associazione degli operatori del Bingo.

Con il ordinanza n..6247/2020, il Tar Lazio ha infatti concesso la misura sospensiva, accordando agli operatori associati ad Ascob di versare l’importo ridotto di euro 2800, come canone mensile per la proroga della concessione, fino alla definizione dei giudizi a seguito del rinvio alla Corte Costituzionale.

“Avevamo già rappresentato alla Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM) l’oggettiva necessità di rivedere i canoni di proroga: l’emergenza Coronavirus ha peggiorato la situazione e le sale Bingo erano a rischio sopravvivenza.

ADM – afferma Barbieri – non aveva poteri e non poteva aiutarci, gli importi del canone sono definiti dalla legge primaria pertanto non rimaneva che ricorrere alla Magistratura.

Il Giudice ha riconosciuto le nostre necessità, ha ridotto i canoni a 2.800 euro e obbligato alla presentazione di una fideiussione per il restante importo fino ai 7.500 euro previsti dalla legge.

Ora lavoreremo con ADM per le modalità di presentazione di questa nuova fideiussione.

A dire il vero bastava già la garanzia di 500mila euro, che solo le Sale Bingo presentano per ottenere la concessione, a garantire gli importi residui del canone.

Questa è una peculiarità che distingue le Sale Bingo da ogni altro punto di raccolta del gioco e – sottolinea Barbieri – le nostre sale non sono Gaming Hall ma un punto di raccolta ancora più specializzato. Con le nuove disposizioni fiscali il solo Bingo non starebbe in piedi così proponiamo anche gioco attraverso gli apparecchi e i terminali VLT.

Da noi entrano solo giocatori maggiorenni, controllati e filtrati all’ingresso in collaborazione con le associazioni e gli operatori sanitari locali per contrastare in ogni modo il gioco problematico anche tra la clientela di età maggiore ai 18 anni.

Nelle Sale Bingo l’obbligo della tessera sanitaria per l’attivazione delle VLT è inutile: per noi tale obbligo andrebbe rimosso.

Questo, come la determinazione degli importi del canone di proroga della concessione, è un problema che dovrebbe risolvere il legislatore. Per questo abbiamo cercato di sensibilizzare su tali temi i rappresentanti del Governo e della politica.

Oggi – conclude Barbieri – portiamo a casa un nuovo grande successo, ringrazio per questo tutti i soci e gli gli Avv.ti Tariciotti e Giacobbe – che ci hanno abilmente assistito”.

TAR Lazio, accolto il ricorso dell’associazione ASCOB su canoni proroga concessione

Tribunale
Il TAR Lazio ha accolto il ricorso dell’associazione ASCOB e di alcuni concessionari del Bingo con il quale si chiedeva l’annullamento, previa sospensione, della nota con la quale l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Ufficio Bingo ha rigettato l’istanza dei ricorrenti del 2 luglio 2020 con la quale le era stato domandato:

i) la sospensione del pagamento del canone relativo alla proroga tecnica;

ii) ovvero in subordine, l’autorizzazione al pagamento del canone in misura ridotta ad € 2.800,00 producendo per la restante parte un’appendice alla fidejussione o polizza assicurativa già rilasciata in favore di questa Agenzia contenente la precisazione che la stessa è estesa anche al pagamento del canone mensile relativo alla proroga tecnica;

iii) l’assunzione di provvedimenti necessari per preservare l’equilibrio economico finanziario delle concessioni bingo, anche in contradditorio con gli operatori.

“Il giudizio che ha condotto alla favorevole ordinanza origina dal contesto di grave difficoltà economica legata alla pandemia da Covid 19 – affermano gli Avv.ti Tariciotti e Giacobbeche ha portato al ridursi del gettito dei giochi di un 50%, e che ci ha spinto ad assistere l’Associazione per sollecitare ADM ad assumere misure interinali a tutela dei concessionari e ad aprire un procedimento funzionale a riequilibrare complessivamente l’intero sinallagma convenzionale“.

 

Il Tribunale Amministrativo ha ritenuto che le censure formulate dalle ricorrenti richiedano un approfondimento non compatibile con la sommarietà della presente fase cautelare, anche in ragione della pendenza delle questioni pregiudiziali di legittimità costituzionale sollevate dalla Sezione con ordinanze n. 4021 e n. 4022 del 26 marzo 2019 (rispettivamente rese nei giudizi numeri di registro generale 2839 e 3333 del 2018);

“Ritenuto, inoltre, che il ricorso sia prima facie sostenuto dal requisito del periculum in mora, atteso il pregiudizio economico dedotto dalle ricorrenti in relazione alla situazione di grave insostenibilità economico-finanziaria del canone concessorio, come da ultimo rideterminato dall’amministrazione in ossequio all’art. 1, comma 1047, della l. n. 205/2017 (di modifica dell’art. 1, comma 636, della l. n. 147/2013);

Ritenuto, quindi, che al lamentato pregiudizio possa ovviarsi sospendendo, nelle more della definizione della presente controversia, l’efficacia del gravato provvedimento di diniego nonché stabilendo, a garanzia degli interessi patrimoniali dell’amministrazione, che – fino al momento della pubblicazione della sentenza di merito che definirà il giudizio – le ricorrenti (avuto riguardo al canone originariamente previsto con la costituzione del rapporto concessorio) versino all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la somma di euro 2.800,00 mensili ciascuna e, per la restante parte e fino alla copertura dell’intero ammontare del canone preteso (pari ad euro 7.500,00), prestino fideiussione bancaria o assicurativa (ulteriore rispetto alla cauzione già prestata), proporzionata alla differenza di canone non corrisposta per dodici mesi, entro il termine di trenta giorni dalla notificazione o dalla comunicazione in via amministrativa della presente ordinanza, con l’avvertenza che la mancata prestazione di tale garanzia comporterà l’automatica perdita di efficacia della disposta misura cautelare;

Rilevato, inoltre, che la Sezione con le citate ordinanze n. 4021/2019 e n. 4022/2019 – motivatamente dubitando della legittimità costituzionale del citato art. 1, comma 1047, della l. n. 205/2017 – rimetteva alla Corte Costituzionale, ai sensi dell’art. 23 della l. n. 87/1953, le questioni di compatibilità di tale disposizione con gli artt. 3 e 41 della Costituzione”.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda) accoglie quindi l’istanza cautelare e, per l’effetto, sospende l’efficacia del provvedimento impugnato, nei modi e nei termini illustrati in motivazione.

Sospende, altresì, il giudizio sino alla pronuncia della Corte Costituzionale sulle questioni di cui in motivazione.

CISAL Terziario scrive al Governo per chiedere la riapertura delle Sale Bingo

CISAL

La Federazione Nazionale Sindacati Autonomi Lavoratori Commercio, Servizi e Turismo, con lettera firmata Vincenzo Caratelli, Segreteria Nazionale, scrive:

«AI Presidente del Consiglio dei Ministri
Prof. Giuseppe Conte
presidente@pec.governo.it
AI Ministro del Lavoro e delle Politiche
Sociali
Dott.ssa Nunzia Catalfo
segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it
AI Ministero dello Sviluppo Economico
Dott. Stefano Patuanelli
Segr.min@pec.mise.gov.it
AI ministro dell’Economia e delle Finanze
Dott. Roberto Gualtieri
segreteria.ministro@pec.mef.gov.it
ASCOB
Associazione Nazionale Concessionari Bingo
ascob@ascob.it

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, il
governo ha accolto le istanze di divere categorie di lavoratori ed ha mostrato l’intenzione di
non voler protrarre inopinatamente il lockdown rischiando di compromettere ulteriormente
le già difficili condizioni economiche determinate dall’emergenza.

Certamente i dati diffusi dalla Protezione Civile circa l’andamento della curva epidemiologica e la decrescita della diffusione del virus, hanno avuto un ruolo dirimente nell’accelerare la riapertura di alcune attività che diversamente sarebbero state destinate, secondo le originarie previsioni, ad una eventuale ripresa solo a partire dal mese di giugno.

Sono infatti innumerevoli i settori che hanno ripreso in pieno le attività economiche, produttive e sociali a partire dal 18 maggio e che sperano di tornare gradualmente ad una normalità, sia pure con grande prudenza e rispettando le prescrizioni imposte per il contenimento della diffusione del virus.

Dal 25 maggio sono consentite le attività sportive, riaprono palestre e piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, strutture dove si svolgono attività per il benessere della persona.

Dal 18 maggio sono stati aperti addirittura i centri commerciali.

Ma che dire delle sale bingo? Perché manca qualsiasi indicazione in merito alla loro riapertura?
A differenza di tutte le altre attività, infatti, il decreto non menziona nessuna data di ripresa delle sale bingo.

Eppure si tratta di un grande comparto italiano che è quello del gioco responsabile, la cui chiusura a seguito dell’epidemia ha causato la paralisi del settore, con disastrose conseguenze economiche per tutti i lavoratori e le loro famiglie coinvolte.

Si tratta di un’attività in cui opera un elevato numero di lavoratori che ad oggi ammontano a circa 12.000 unità e che sono esposti al rischio di perdere il lavoro, se non viene data loro
la possibilità di ripartire.

Gli stessi lavoratori stanno esprimendo con forza, attraverso manifestazioni pubbliche ed
una sentita lettera di denuncia al governo con la quale implorano di poter tornare a lavorare, la volontà di riprendere il lavoro e di trovare risposte alle loro legittime aspettative.

Le sale bingo possono e devono riaprire perché, a differenza di tante altre attività, sono
strutture con ampie superfici che consentono di poter attuare i protocolli di sicurezza e di
garantire l’applicazione delle misure di distanziamento sociale, l’utilizzo di tutti i dispositivi
individuali di protezione, l’uso dei termoscanner alle entrate e la sanificazione frequente dei
locali.

Le associazioni Ascob, Anib e Cisal Terziario, parti stipulanti il CCNL Sale Bingo e Gaming
Hall, si sono incontrate per confrontarsi sulla difficile situazione che ha coinvolto il paese a
seguito dell’emergenza da Covid-19 ed in particolare per adottare misure idonee a tutelare
i lavoratori impiegati nel settore bingo e gaming hall, sottoscrivendo, il 28 aprile 2020, un
protocollo sulla sicurezza, attuazione di quello sottoscritto con le parti sociali e il Governo
in data 14 e 24 marzo 2020.

Alla luce di tutte queste considerazioni, si chiede quindi che il governo voglia intervenire con urgenza per includere le sale bingo nell’elenco dei codici Ateco delle attività che possono ripartire da subito».

Federazione Nazionale Sindacati Autonomi Lavoratori Commercio, Servizi e Turismo

Covid-19, Protocollo Ascob d’intesa con la CISAL Terziario

Il protocollo riguarda le misure da adottare nel settore Bingo e Gaming hall al fine di tutelare i lavoratori impiegati ed a garantire la continuità dell’attività produttiva contribuendo in tal modo al superamento dell’emergenza sanitaria.

L’accordo è stato siglato tra la CISAL Terziario e Ascob, Anib, Anipt.

ACCORDO.ITERCONF-TERZIARIO-COVID

Protocollo-Covid-Ascob-CISAL-siglato

 

 

 

 

Lettera aperta alle Istituzioni: Le richieste di ASCOB sul quotidiano “la Repubblica”

Lettara a la Repubblica

L’associazione il 19 Aprile 2020 ha pubblicato sul quotidiano La Repubblica con una lettera aperta inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Avv. Giuseppe Conte, al Ministro della Sanità On. Roberto Speranza, al Ministro delle Finanze On. Roberto Gualtieri, al Dott. Vittorio Colao, ai Presidenti di Regione.

«Desideriamo portare all’attenzione delle SS. VV. la nostra disponibilità a confrontarci sulle misure necessarie per impostare le caratteristiche logistico·organizzative delle sale bingo per adeguarle alle esigenze nascenti dall’emergenza sanitaria in corso.

L’offerta d’intrattenimento delle nostre sale rappresenta un importante complemento della vita sociale, ma anche una significativa integrazione dell’offerta turistica di molte città italiane, come accade per qualsiasi altro pubblico esercizio che offra occasione di ristorazione e d’intrattenimento lungo tutto l’arco della normale giornata lavorativa e, nello specifico, anche oltre.

L’organizzazione della nostra attività caratterizzata dalle grandi dimensioni dei locali dedicati e dalla numerosità del personale addetto, ancor più di quanto normalmente accade nel settore della ristorazione e dell’ospitalità, consente di predisporre agevolmente le necessarie misure di tutela (consigliate dal World Health Organization per il settore ricettivo e della ristorazione), secondo un protocollo che siamo pronti a recepire non appena sarà varato dalle Autorità preposte, e che comunque, a titolo esemplificativo e non esaustivo, prevede sin d’ora:

distanziometro sociale, registro identificativo del cliente, terma-scanner all’ingresso della sala, mascherine e guanti per i dipendenti e per i clienti, gel disinfettanti all’ingresso e all’interno della sala a disposizione di dipendenti e clienti; sanificazione giornaliera di tutti gli ambienti.

Nella delicatissima fase della ripartenza delle attività imprenditoriali, siamo certi di poter dare sicurezza in misura più elevata rispetto alle altre attività connesse all’offerta turistica e d’intrattenimento.

Vi chiediamo quindi di volere guardare al sistema del gioco pubblico organizzato nelle sale bingo con un approccio non pregiudiziale, inserendo la nostra attività nel contesto dei provvedimenti normativi che riguarderanno il settore dell’ospitalità e della ristorazione, sia sotto il profilo delle agevolazioni economiche e finanziarie, sia sotto quello dei tempi e modi per la ripresa delle attività.

Per la continuità delle nostre imprese non potremmo sostenere una stagione estiva con sale chiuse, perché in tal caso non potremmo continuare a garantire il reddito ad oltre 12 mila famiglie e il gettito erariale di oltre un miliardo che lo Stato ricava annualmente dall’esercizio delle nostre attività.

Come tutti, per riprendere l’attività avremo bisogno di essere aiutati , e quindi in particolare

CHIEDIAMO

  • Proroga delle concessioni per almeno sei anni, per poter accedere al decreto liquidità, altrimenti inapplicabile per le nostre aziende: nessuna banca concede un prestito ad una società con una concessione annuale;
  • Sospensione del canone della proroga della concessione, divenuto insostenibile;
  • Pagamento delle cartelle da gioco a 90 giorni.

I mesi a venire saranno necessari per formalizzare i necessari interventi normativi sul settore che abbiamo richiesto nelle sedi preposte ma dobbiamo poterlo fare da sale aperte altrimenti nulla sarà più utile. Siamo a disposizione delle Amministrazioni per l’approfondimento delle iniziative già avviate con gli organismi preposti.

Certi della consapevole comprensione dello spirito che ci anima in quanto Concessionari dello Stato, come tali siamo responsabilmente pronti a contribuire al salvataggio dell’economia del Paese.

Forse siamo ancora in tempo per salvare le nostre aziende e i 12 mila posti di lavoro dei nostri dipendenti.

Domani sarà troppo tardi!».

Assemblea ASCOB: Manovra 2020, strategie e proposte

Ieri si è tenuta a Roma, presso la sala convegni dell’Hotel H10, l’Assemblea dei soci ASCOB.

All’ordine del giorno l’analisi della situazione e un confronto sulle strategie future dopo la pubblicazione del decreto Fiscale e del testo della Manovra per il 2020.

“Con questi provvedimenti siamo 3 volte penalizzati non una: oltre al pesante ulteriore incremento dell’aliquota del prelievo sul AWP e VLT, a noi del Bingo si chiede di accettare una proroga molto onerosa (90mila euro) e di pagare inoltre 10.000 euro annui per l’iscrizione ad un registro che dovrebbe già esistere. Poi le gare per i diritti degli apparecchi…”.

Così ha commentato il presidente dell’ASCOB, Salvatore Barbieri, che ha condiviso con l’Assemblea le sue osservazioni sul decreto Fiscale con attenzione a quanto annunciato in Manovra circa una prossima gara anche per i diritti alla installazione di AWP e VLT e per location specializzate nella raccolta del gioco.

I soci hanno espresso le loro perplessità su disposizioni che vedono per le Gaming Hall del Bingo crescere in modo incomprensibile (e forse insostenibile) la pressione fiscale diretta e indiretta.

Sono state avanzate ipotesi e proposte soluzioni da promuovere durante i lavori parlamentari di conversione in legge dei due provvedimenti emanati dal Governo con la speranza di vedere riconosciute le legittime aspettative di imprese che garantiscono occupazione e producono ricchezza operando nel settore dei servizi per conto dello Stato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi